laterina

Deve il suo nome alla presenza di numerose fornaci di laterizi che la caratterizzarono nel periodo etrusco e romano. Il Castello di Laterina vide posare le sue prime pietre nell’undicesimo secolo, quando il terrore dell’anno mille e le invasioni barbariche spinsero le popolazioni stanziate nella pianura vicino all’ Arno a progettare nuove costruzioni nella collina al riparo da dannosi imprevisti. Laterina era una fortificazione di considerevole importanza grazie alla sua posizione geografica, quale terra di mezzo tra la vicina Arezzo e la potente Firenze: l’importanza strategica non sfuggì ad Arezzo che a partire dal 1250 strinse sotto il suo controllo il nostro castello per poi deciderne di farne una “terra fortificata” nel 1272 contro l’espansione in Valdarno dei Guelfi fiorentini, che però nel 1288 la conquistarono e costruirono la bellissima Rocca. Dopo alterne vicende, fu proprio qui a Laterina nel 1348 che Arezzo, sconfitta, venne definitivamente consegnata a Firenze con un trattato di sottomissione, stipulato nel castello di Laterina.

Il borgo antico è raccolto intorno alla piazza sulla quale si affaccia la Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano; sul fianco dell'edificio molto interessante è un resto di mosaico proveniente dall'antica pieve. Dall'alto delle sue colline una vista suggestiva sulla campagna permetterà di scoprire l'architettura rurale rappresentata dai numerosi casolari e case leopoldine, con le caratteristiche "colombaie", espressione della tradizione e della cultura contadina tipica di questa vallata. A dicembre particolare è la mostra dei presepi che si svolge nel centro storico; memorabile e assolutamente consigliata la Festa Medievale che si tiene ogni anno l'ultimo fine settimana di luglio.